Monchi non ci sta: "Dov'è il Var?"

Share

Non me la prendo con Banti perché lui non è responsabile e sul campo talvolta è difficile valutare alcune situazioni. La Roma è uno dei club che fa maggiormente silenzio sulle questioni arbitrali.

Ciclismo, da Bologna a Verona svelata l'edizione 2019 del Giro d'Italia
Una frazione si disputerà tutta nella nostra regione il 17 maggio: da Vasto a L'Aquila per ricordare i 10 anni dal terremoto. La tappa partirà da Ivrea, poi, da Asso, si ripercorrerà il finale del Lombardia, senza Muro di Sormano.

La Fiorentina ha segnato su un rigore che tutti dicono che non c'era. Dobbiamo fare una riflessione, non parliamo mai, anche contro la Spal un rigore così e così, la scorsa settimana a Napoli su Edin Dzeko. Non è la prima volta che si è protagonisti con noi, ricordo anche un rigore non fischiato su Perotti l'anno scorso contro l'Inter. Questa non può non essere una situazione del VAR, l'arbitro non è l'ultimo responsabile, c'è una persona che sta tranquilla e seduta e deve invitare l'arbitro a rivedere l'errore. Quello che chiedo è più giustizia e rispetto per la Roma. L'amarezza del dirigente romanista è acuita dal fatto che "abbiamo meritato di più di ciò che dice il risultato, ma c'è stata una giocata che ha cambiato la partita. La strada è che si deve usare il Var, di cui sono un grandissimo sostenitore, e insisto nel dire che c'è il Var che aiuta quando c'è una situazione come quella di oggi". Ma qui si tratta di un errore in flagranza, non sono d'accordo, è un errore chiaro ed evidente. "Giocando con personalità e con un po' più di cattiveria in futuro riusciremo a portare le partite dalla nostra parte". Salomonico, infine, sul calcio di rigore concesso alla Fiorentina: "Si poteva dare e non dare: gli arbitri fanno il loro mestiere e noi accettiamo come sempre le loro decisioni. Non dobbiamo cercare alibi in merito al rigore".

Share