Sampdoria, sequestrati beni al presidente Ferrero

Share

La Procura della Federcalcio, guidata da Giuseppe Pecoraro, ha aperto un fascicolo sul presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, al più presto saranno acquisiti gli atti dell'inchiesta a carico di Ferrero.

In particolare, sono state sottoposte a sequestro disponibilità finanziarie riferibili agli indagati nonché un immobile residenziale di pregio a Firenze, in via dei Renai.

Il club ligure, dunque, sarebbe destinato di un sequestro per un importo di oltre 200 mila euro, corrispondente al profitto del reato tributario accertato. I reati ipotizzati sono quelli di appropriazione indebita, truffa, emissione e utilizzo di fatture false, autoriciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita. Il denaro, stando all'accusa, risulta poi in parte reimpiegato per sanare situazioni debitorie di altre società del gruppo e per finanziare altre due società riconducibili Ferrero, per l'attività di produzione di un film da distribuire nel circuito cinematografico.

Brexit, c'è l'ok dell'Ue: approvato l'"accordo di divorzio" dalla Gran Bretagna
Ho anche informato il Consiglio che da gennaio siamo pronti a votare sulla Brexit , probabilmente a febbraio o a marzo 2019. Le 600 pagine di accordo , limate fino all'ultimo dai negoziatori, sono ora vincolanti per entrambe le parti.

È arrivato il comunicato della Sampdoria in merito alle notizie apparse quest'oggi nei principali organi di stampa, circa la perquisizione che la Guardia di Finanza sta eseguendo nei confronti del presidente blucerchiato Massimo Ferrero. La successiva ricostruzione dei flussi finanziari ha permesso di accertare che buona parte di tali somme sono state impiegate per l'acquisto di un immobile di pregio in Firenze. Il contesto di indagine prende le mosse dall'approfondimento di transazioni finanziarie anomale poste in essere tra le società del c.d.

Dalle indagini della Gdf sono inoltre emerse una serie di finte controversie di lavoro davanti alla Direzione territoriale del Lavoro di Roma attraverso le quali sono stati conclusi 5 accordi transattivi da 100mila euro ognuno simulando l'esistenza di rapporti di lavoro subordinato con 5 società del gruppo. E a questo punto, Ferreo, che già lo scorso anno aveva rischiato con la sentenza Livingston, ora rischia davvero di decadere dalla carica di presidente.

Share