Trump al Messico, rimpatriare i migranti

Share

Alcune ore prima, citando la stessa Sanchez, il Washington Post aveva scritto che l'amministrazione messicana di Andres Manuel Lopez Obrador aveva concordato di consentire ai migranti di rimanere in Messico nell'ambito di una "soluzione a breve termine", mentre gli Stati Uniti esaminano le loro richieste di asilo. E aggiunge: "Chiuderemo il confine in maniera permanente se necessario".

Riaperto il confine fra Stati Uniti e Messico, nell'area fra Tijuana e San Diego. Non solo: Trump afferma che tra quanti sono in marcia con la carovana ci sarebbero almeno 500 pericolosi criminali e per questo la minaccia è seria.

Gli agenti americani in tenuta anti-sommossa hanno fermato i migranti, creando un muro umano. A quel punto è stato usato gas lacrimogeno per allontanare e disperdere i migranti, tra cui c'erano anche moltissime famiglie con donne e bambini anche molto piccoli. Nessuno sarebbe riuscito ad attraversare il confine.

Per tutta risposta, le autorità statunitensi hanno chiuso tutti gli accessi tra la città e San Diego. La situazione è tornata alla normalità solo molte ore dopo, nella serata di domenica.

F1 Abu Dhabi, Raikkonen: "Macchina è andata bene"
Oggi - ha proseguito il tedesco - abbiamo lavorato un po' sulla macchina e c'è ancora del margine prestazionale, ma dobbiamo trovare un altro po' di passo .

In tutto la polizia messicana ha arrestato 39 persone che avevano partecipato ai primi scontri con la polizia e che avevano cercato di attraversare illegalmente il confine.

Gli fa eco il governo messicano che ha annunciato che procederà all'espulsione dei migranti provenienti dall'America centrale che hanno tentato di forzare il confine. Di queste, 7.417 si trovano in Baja California, ospitate in accampamenti fra Mexicali e Tijuana. La situazione sta diventando sempre più difficile, per la crescente intolleranza degli abitanti di Tijuana e per la frustrazione dei migranti, molti dei quali non si aspettavano difficoltà così grandi per poter entrare negli Stati Uniti.

Ora chi riceve il permesso di presentare domanda di asilo - una procedura costosa e che può richiedere anche anni - viene spesso lasciato entrare negli Stati Uniti e può di fatto lavorare e avere una vita quasi normale in attesa della decisione finale.

Share