Tumori e smartphone, scoperte delle correlazioni

Share

I ricercatori hanno spiegato che - secondo lo studio - il tumore maligno del cuore sarebbe aumentato in presenza delle radiazioni del 5-7 per cento, nei ratti maschi esposti, mentre la stessa osservazione non può essere fatta per gli esemplari femmine. Innanzitutto, i ratti su cui è stato effettuato lo studio, sono stati esposti ad una quantità di radiazioni molto superiore a quella applicata agli esseri umani e le radiazioni sono state distribuite su tutto il corpo, mentre negli esseri umani sono molto più localizzate.

Il responso da una ricerca del National Toxicology Program statunitense dopo studio sui topi, promossa dall'amministrazione Clinton. Questa domanda ce la siamo posti tutti prima o poi, in un'epoca dove chiunque passa molto tempo incollato al suo smartphone.

Negramaro, Giuliano è papà: è nata Stella Sangiorgi
Nell'occasione Sangiorgi ha inaugurato il suo nuovo profilo Instagram proprio con questo lieto annuncio. Tantissimi i messaggi di auguri e congratulazione da parte dei fan.

Nonostante gli esiti poco significativi, la National Toxicology Program ha deciso di continuare la sua ricerca al fine di verificare se ci siano strette relazioni tra l'uso dei cellulari e il fatto che in generale siano aumentati i casi di cancro.

Il carico per il cervello di un essere così piccolo non è paragonabile con quello che subisce il nostro corpo. I censimenti e gli studi epidemiologici sugli uomini non hanno mai presentato motivi di allarme. Inoltre lo studio non comprende gli smartphone di ultima generazione. A pubblicare la ricerca, costata 30 milioni di dollari, è l'agenzia pubblica americana National Toxicology Program. Tumore maligni noti come neurinomi. Per quanto riguarda invece il cosiddetto "riscaldamento" che subirebbero le cellule cerebrali a causa delle onde elettromagnetiche, tali evidenze si sono avute solo ed esclusivamente nelle piastrine da laboratorio. I tipo sono stati sottoposti a radiazioni da 2,5 a 10 watt per chilogrammo (contro gli 1,5-6 watt per chilogrammo dei ratti). Il livello più alto (gli altri livelli sono "Qualche ", "Ambigua " e "Nessuna ") non è stato agli altri tipi di tumori sviluppati.

Share