Atleta di Lisippo, Museo Getty deve restituire statua: lo decide Cassazione

Share

É definitivamente dello Stato italiano l'Atleta di Fano, bronzo greco attribuito allo scultore greco Lisippo pescato al largo di Fano, nelle Marche, e poi esportato negli Stati Uniti e acquistato dal Getty Museum di Malibù, Los Angeles.

Si parla nuovamente della vicenda dell'Atleta di Lisippo: il Museo Getty, secondo quanto ha deciso la Corte di Cassazione, dovrà restituire la statua all'Italia. Nel 1977 l'Atleta venne acquistato per circa 4 milioni di dollari dal Getty Museum, ma i pm ritengono che questa sarebbe stata una procedura irregolare. La Suprema corte ha infatti respinto integralmente il ricorso presentato dai legali del museo Getty per la restituzione della statua, contesa da anni tra l'Italia e l'istituzione statunitense.

Le conseguenze. Cosa significa la sentenza della Cassazione? Per due volte il museo americano ha ottenuto l'annullamento per vizi procedurali.

È tregua commerciale con la Cina: 90 giorni per un accordo
Primo, lo stesso Trump aveva detto di voler trovare l'accordo , alludendo al fatto che il negoziato era stato duro, ma aveva portato progressi.

Il ministro Bonisoli, nel frattempo, ha espresso la propria soddisfazione: "sono veramente contento", ha dichiarato, "che si sia finalmente chiuso questo iter giudiziale e sia stato riconosciuto al nostro Paese il diritto di recuperare un'importantissima testimonianza del nostro patrimonio". Questa notizia ci ricorda l'importanza dei beni per l'identita' delle comunita' e dei territori.

La decisione dei giudici della Cassazione rende definitiva la confisca immediatamente esecutiva della statua "ovunque si trovi" disposta dal gip pesarese Giacomo Gasparini lo scorso giugno. "Speriamo che la statua torni presto ad essere ammirata nei nostri musei e che le autorita' Usa si attivino rapidamente per favorirne la restituzione". La strada che si schiude ora è quella della rogatoria internazionale.

"Una vittoria che è il frutto di un lavoro di gruppo - il commento del pm Silvia Cecchi, da anni impegnata nella battaglia per riportare la statua in Italia - Era un caso davvero complesso e alla fine abbiamo avuto ragione".

Share