Attacco hacker alla catena di hotel Marriott, colpiti 500 milioni di clienti

Share

La più grande catena alberghiera del mondo, la Marriott International, ha rivelato che hacker sconosciuti hanno compromesso il database delle prenotazioni degli ospiti, la sua filiale Starwood, violando irca 500 milioni di account.

Il furto inizia già nel 2014 e Marriott afferma di averlo scoperto il 19 novembre scorso. "Anche se si trattasse di database americani, i dati dei viaggiatori europei sono protetti dalla direttiva europea, quindi senza dubbio se venisse accertata la responsabilità della catena, la multa sarebbe molto salata". L'8 settembre 2018 Marriott ha ricevuto un avviso dal sistema di sicurezza digitale che dava l'allarme su un tentativo di accesso al database di prenotazione degli ospiti di Starwood.

"La società non ha completato l'identificazione di informazioni duplicate nel database, ma ritiene che contenga informazioni su circa 500 milioni di ospiti che hanno effettuato una prenotazione presso una proprietà Starwood", ha dichiarato la società in un comunicato.

Caso Regeni: anche l'Egitto sospende i rapporti con l'Italia
Il parlamento egiziano , dal canto suo, ha giudicato quella dell'assemblea legislativa italiana una "ingiustificata... iniziativa unilaterale".

Tra i dati che potrebbero essere finiti nella mani di un criminale informatico appartenenti ad almeno 327 milioni di clienti, ci sono i loro nomi associati a numeri di telefono dei clienti, numero di passaporto e anche numeri della carta di credito. Per alcuni, le informazioni includono anche i numeri delle carte di pagamento e le date di scadenza delle carte di pagamento, ma i numeri delle carte di pagamento sono stati crittografati utilizzando la crittografia Advanced Encryption Standard (AES-128).

Starwood Hotels and Resorts Worldwide è stata acquisita da Marriott International per $ 13 miliardi nel 2016. "Fin dall'inizio, ci siamo mossi rapidamente per limitare il danno e condurre un'indagine approfondita con i principali esperti di sicurezza di sostegno", ha detto Arne Sorenson, presidente e ad di Marriott, citato in dichiarazione. "Non siamo all'altezza di ciò che i nostri ospiti meritano e di ciò che ci aspettiamo da noi stessi. stiamo facendo tutto il possibile per supportare i nostri ospiti e trarremo beneficio da tale violazione".

Share