Cosa sappiamo sull'arresto della direttrice finanziaria di Huawei

Share

Le autorità canadesi hanno arrestato a Vancouver la direttrice finanziaria della società cinese Huawei Technologies, Meng Wanzhou, che ora rischia l'estradizione negli Usa, dove è in corso un'indagine per accertare se il colosso cinese abbia violato le sanzioni all'Iran.

La Cina ha chiesto al Canada di liberare immediatamente la direttrice finanziaria e vicepresidente del consiglio di amministrazione della società Huawei Meng Wanzhou. Lo rende noto il Dipartimento di giustizia canadese. L'arresto della donna contribuirà ad infiammare di nuovo le tensioni sull'asse Washington-Pechino, dopo la recente tregua sui dazi. La manager 41enne, destinata a succedere al padre Ren Zhengfei, è stata arrestata su richiesta degli Usa, che intendono chiedere l'estradizione.

Huawei, uno dei piu' grandi produttori cinesi di telefonini, e' finita nel mirino delle autorita' americane per timori legati alla sicurezza: l'acquisto e l'uso di telefonini Huawei e' stato vietato nelle agenzie governative.

Jane Alexander torna single: "Ho lasciato Gianmarco"
Cinque minuti prima di entrare qua dentro mi ha inviato un messaggio per ringraziarmi di aver parlato bene di lui a Verissimo . POi ci siamo visti una prima volta, no è andata bene, abbiamo pianto insieme, mi dispiace ma io non voglio stare con lui .

Il governo degli Stati Uniti ha invitato i suoi alleati, tra cui l'Italia, a non utilizzare i prodotti dell'azienda cinese Huawei, secondo quanto riportato il 23 novembre 2018 dal quotidiano Wall Street Journal. L'arresto è avvenuto il 1° dicembre, lo stesso giorno in cui il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e quello cinese Xi Jinping hanno avviato le trattative commerciali, durante un vertice in Argentina, che si concluderanno entro 90 giorni.

Il gigante cinese delle telecomunicazioni in una nota dai toni moderati parla di "accuse non specificate" nei confronti della sua dirigente, e si dice "non al corrente di alcun illecito commesso da Ms. Meng", confidando nel fatto che "i sistemi legali di Canada e Stati Uniti raggiungeranno una giusta conclusione" sul caso.

Share