Istat: cala il Pil e aumenta la disoccupazione

Share

Leggendo il rapporto Istat si può notare come la disoccupazione giovanile sia aumentata, seppur lievemente, attestandosi al 32,5%. La diminuzione coinvolge uomini e donne e si distribuisce in tutte le classi di età ad eccezione dei 25-34enni. L'Istat, poi, aggiunge che il tasso di occupazione, pari al 58,7%, non fa registrare variazioni congiunturali.

Su base annua, l'occupazione cresce dello 0,7%, pari a +159.000 unità. "Nella media degli ultimi tre mesi l'occupazione è in calo rispetto al trimestre precedente". Nel mese si nota anche una ripresa dei lavoratori dipendenti permanenti a fronte di un calo di quelli a termine e dei lavoratori indipendenti. Il tasso di occupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni è al 17,6%, in lieve crescita sia sul mese (+0,1 punti) e sull'anno (+0,3 punti).

Ad aumentare sono stati i dipendenti permanenti (+37 mila), mentre quelli a termine sono diminuiti (-13 mila). L'Istat spiega che i disoccupati nel mese erano 2.746.000, in crescita di 64.000 unità su settembre e in calo di 118.000 unità su ottobre 2017. Nell'anno aumentano principalmente gli occupati ultracinquantenni (+330.000) e, in misura più contenuta, i 15-24enni (+20.000), mentre calano i 25-49enni (-190.000).

Nell'Ue la riduzione della disoccupazione, rispetto all'anno precedente, è stata ancora più evidente: 6,7% (come ad agosto) dal 7,5% nel 2017.

Bimbo scrive al papà in Paradiso. Le poste inglesi: lettera recapitata
Quando il bambino ha saputo che le sue parole erano arrivate al papà, la sua felicità è stata incontenibile. La madre di Jase , Teri Copland ha detto di essere stata sorpresa e commossa da tanta gentilezza.

Il terzo trimestre del 2018 ha avuto due giornate lavorative in più del trimestre precedente e lo stesso numero di giornate lavorative rispetto al terzo trimestre del 2017. La variazione acquisita per il 2018 è pari a +0,9% (+1% nei dati provvisori).

Le importazioni e le esportazioni sono cresciute rispettivamente dello 0,8% e dell'1,1%.

La domanda nazionale al netto delle scorte ha sottratto 0,3 punti percentuali alla crescita del Pil, con un contributo nullo per i consumi delle famiglie e delle Istituzioni Sociali Private (ISP) e per la spesa delle Amministrazioni Pubbliche (AP) e negativo per 0,2 punti percentuali per gli investimenti fissi lordi.

Share