Manovra: riunioni in mattinata alla Camera, attesi emendamenti

Share

Ancora dubbi sulla presentazione della proposta sulla riduzione dell'Imu sui capannoni e il taglio dei premi Inail.

Non c'è il taglio delle pensioni d'oro, nel pacchetto di emendamenti alla manovra depositato in commissione alla Camera. Niente anche su 'quota 100' e reddito che saranno in provvedimenti separati. L'obiettivo è chiudere l'esame in Commissione martedì per poi andare in Aula mercoledì 5 dicembre con la possibilità, anticipata dalla maggioranza, di poter ricorrere al voto di fiducia. La Commissione quindi riprenderà le votazioni domenica pomeriggio dagli emendamenti accantonati, cui andranno aggiunti quelli di relatore e governo: tra le proposte di modifica che riguardano il settore dei giochi, è "sopravvissuto" solo l'emendamento Baroni (M5S) sull'introduzione di un software per il monitoraggio dell'accensione delle slot e delle VLT.

Salvini: "Io come Pinochet? Nanni Moretti è regista radical chic"
Il regista chiarisce, a metà film, che la sua non è un'opera imparziale, proprio in pieno stile Moretti . Poi, una mattina, la radio, a Santiago , annuncia che l'impensabile sta accadendo davvero ...

Ma, spiegano dal governo, neanche il deficit al 2,1% sembra bastare all'Europa: si deve arrivare al 2%. Dalla Lega confermano che una seconda, corposa, tranche di modifiche alla legge di bilancio arriverà a Palazzo Madama. La modifica è stata inserita in calce all'articolo che istituisce il fondo per il reddito di cittadinanza e costa 120 milioni nel 2019 e 160 milioni dal 2020. Uno degli emendamenti in questo senso, prevede più fondi per ridurre le liste d'attesa. Dal 2021, invece, i centri per l'impiego utilizzeranno le risorse del fondo complessivo per il reddito. La Manovra stanziava 50 milioni per ogni anno dal 2019 al 2021: con la modifica si passa a 150 milioni nel 2019, 100 nel 2020 e altrettanti nel 2021. La norma "anti-furbetti" viene estesa, con un secondo emendamento dei relatori, anche agli "imprenditori individuali ed esercenti arti e professioni" che dal 2020 usufruiranno della flat tax al 20% per i redditi tra i 65mila e i 100mila euro annui. Lo prevede un emendamento dei relatori alla manovra, per evitare abusi nell'accesso al nuovo regime forfetario dei minimi per le partite Iva fino a 65mila euro.

Share