Scherzi A Parte 2018: tutti gli ospiti di stasera, venerdì 30 Novembre

Share

Gli ospiti e le vittime degli scherzi.

Nella serata di ieri, infatti, Iannone è stato una delle vittime dello show di Paolo Bonolis: gli hanno fatto credere che la sua macchina, un bolide da 400mila euro, era stata rubata e giaceva su una chiatta in mezzo al mare.

Nel corso dell'ultima puntata di Scherzi a Parte condotta da Paolo Bonolis, una delle vittime del programma è stato anche Andrea Iannone. Tra questi vi è Adriano Celentano (lo scherzo è riuscito, ma il cantante non ha firmato la liberatoria poiché la microcamera lo ha reso a suo parere deforme); Giancarlo Giannini (nel corso dello scherzo si è infuriato talmente tanto da essere arrivato a spaccare la telecamera); Claudio Cecchetto e Maria Teresa Ruta, che appunto hanno negato la messa in onda dello scherzo ordito ai loro danni.

Reggae patrimonio dell’Unesco: ha messo in luce ingiustizia, resistenza, amore e umanità
Nella giornata di ieri, 29 novembre 2018 , l'UNESCO ha aggiunto la musica reggae della Giamaica nell'elenco del Patrimonio Immateriale dell'Umanità .

C'è grande curiosità per lo scherzo nei confronti di Andrea Iannone visto che quest'anno è stato al centro delle attenzioni dei maggiori giornali di gossip per via della relazione con la showgirl argentina Belen Rodriguez.

Fabrizio Corona è nuovamente tornato all'attacco ed ha ridicolizzato Andrea Iannone giocando sull'evidente somiglianza tra i due. Il team di Scherzi a Parte fingerà il furto dell'auto del pilota e ne seguirà anche una strana richiesta di riscatto. Sicuro è che, Matteo Renzi, potrebbe sfruttare l'occasione di questo scherzo per lanciare il documentario sulla sua vita, Florence, al fine di riabilitare un po' la sua immagine. Uno degli scherzi più divertenti si preannuncia quello a Giuseppe Cruciani, giornalista e conduttore del programma radiofonico di Radio 24 "La zanzara". Come già era successo nel passato infatti vedere i personaggi del mondo dello spettacolo o della politica in una veste più "umana" crea empatia.

Share