Tragedia nell’Anconetano, in sei muoiono travolti dalla calca in discoteca

Share

È di sei morti e circa centoventi feriti il bilancio provvisorio della tragedia avvenuta presso la discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo nella notte tra sabato 7 e domenica 8 dicembre.

Una strage causata dal panico scatenato da uno spray urticante spruzzato in un locale sovraffollato, con circa 500 giovani in più della capienza consentita. Al momento ci sono 12 codici rossi, 45 codici verdi e 9 codici gialli.

LOCALE STRACOLMO - Il locale, secondo una prima ricostruzione, ha 3 uscite di sicurezza: una di queste dà su un ponticello che attraversa un piccolo fossato e collega la discoteca al piazzale del parcheggio. Ad esempio, come ha dichiarato il comandante provinciale dei carabinieri di Ancona, colonnello Cristian Carrozza, erano stati venduti più biglietti di quanto fosse consentito dalle norme di sicurezza. I soccorsi sono stati immediati: sul posto sono intervenuti le squadre dei vigili del fuoco di Senigallia, Ancona, Jesi e Arcevia, tutte le ambulanze disponibili e le forze dell'ordine.

Parallelamente a questo aspetto si indaga sulla discoteca, con particolare riferimento al sovraffollamento e al rispetto delle misure di sicurezza. Chi era quella persona incappucciata? "Scene da panico si aspettava STU SFERA EBBASTA ( ingresso alle 22:00 Inizio alle 23:00 all1:00 non c'era ancora nessuno ) ragazzi che scappano e si calpestano tra di loro, qualcun'altro sviene perché allergico o preso dal panico o ubriaco fracido in 20secondi la pista era vuota". In 35 sono ricoverati negli ospedali di Senigallia e Torrette di Ancona. Il suo racconto è confuso. "Spesso in pista, spesso nella calca, la banda si avvicina, e se scoperta tira fuori lo spray creando la confusione necessaria per avere il tempo per dileguarsi". Un volo di pochi metri, qualcuno dice addirittura solo uno, ma sufficiente perché sei persone muoiano schiacciate o soffocate.

Serie A, le pagelle di Cagliari-Roma: eroico Sau, delude Schick
Ed allora le azioni fioccano subito per la Roma con Zaniolo (3', sinistro a girare al volo di un soffio fuori) e Florenzi (10'). Zaniolo sfiora il gol dopo tre minuti, Joao risponde con un tiro strozzato, ma al 14' arriva il vantaggio giallorosso.

Le vittime sono cinque minorenni (due ragazzi e tra ragazze) e la madre di una ragazzina che era lì insieme al marito per accompagnare la figlia. Lo ha detto all'Ansa il questore di Ancona Oreste Capocasa, arrivato sul luogo. Si tratta di due ragazze del 2004 di Senigallia, un ragazzo del 2002 di Ancona, un ragazzo e una ragazza del 2003 di Fano, e una donna del '79 di Senigallia. La situazione piu' grave era all'esterno, dove si sono diretti la maggior parte degli spettatori. Ma molti anche i feriti, dieci in gravi condizioni. 'Nella discoteca, secondo quanto riferito dai testimoni ai Vigili del fuoco, c'era un migliaio di persone.

"Sono profondamente addolorato per quello che è successo ieri sera a Corinaldo". Sfera Ebbasta, al secolo Gionata Boschetti, è salito alla ribalta grazie alla pubblicazione dell'album XDVR, riscuotendo una certa popolarità. I titolari della discoteca sono stati già sentiti.

Il ministro dell'interno Matteo Salvini si è recato a Corinaldo dopo la manifestazione romana della Lega e si è subito sbilanciato: "È incredibile nel 2018 morire per un mix di incoscienza, di stupidità e avidità".

Share