Vialli: ''Così il tumore mi ha migliorato: porterò le mie figlie all'altare''

Share

Gianluca Vialli è intervenuto stasera da Fabio Fazio a "Che tempo che fa" su Rai Uno per presentare il suo libro "Goals. Ho combattuto esattamente come quando scendevo in campo nelle sfide che affrontavo da atleta professionista".

Euro 2020, Mancini su Balotelli: "La speranza è l'ultima a morire" Ovviamente, all'allenatore della Nazionale è stato chiesto soprattutto del sorteggio per gli Europei 2020 e immancabilmente anche di Mario Balotelli: "Mi spiace che disperda il suo talento così, ma penso che possa fare divertire la gente facendo gol"; quanto a un suo possibile ritorno in Nazionale, "la speranza è sempre l'ultima a morire", ma "il tempo passa, e lui deve prendere le occasioni che ha".

G20, niente lotta al protezionismo nel testo finale. Trump: "Un successo"
Gli Stati Uniti e la Cina sono bloccati in una disputa sul loro squilibrio commerciale e sulle politiche tecnologiche di Pechino. Se non ci riescono, gli aumenti tariffari statunitensi entreranno in vigore sui $ 200 miliardi delle importazioni cinesi.

"Faccio fatica a dirlo ma l'esperienza del tumore, anche se sembra strano, mi ha aiutato a diventare una persona migliore". 98 storie + 1 per affrontare le sfide più difficili, edito da Mondadori, in cui ha raccontato la vicenda della malattia che lo ha colpito nell'ultimo anno e che per adesso è stata fortunatamente sconfitta. "Ad esempio, mi sono posto degli obiettivi da raggiungere nel breve e nel lungo termine e questo mi ha aiutato molto".

"Dedico a tutti quegli ultras juventini, che di sportivo non hanno nulla ma solo il fanatismo di chi riempe vuoti esistenziali profondi, l'intervista di un Campione Vero non solo sul campo ma anche nella vita: Beppe Bergomi". "Ricevere una notizia del genere" assicura "aiuta a dare più valore alla famiglia e alle cose, e in un certo senso a prendersi più cura di se stessi". Poi mi sono dato degli obbiettivi a scadenza ravvicinati come la chemioterapia o quello di andare in vacanza in Sardegna di nuovo con un bel fisico. Vialli ha poi voluto ringraziare i tifosi che hanno esposto striscioni di solidarietà negli stadi: "È stato bellissimo e commovente, sono passati tanti anni ma si ricordano ancora.".

Share